Progetti Finanziati

Progetti Finanziati

Progetti Finanziati

Datalogic è attiva nell’individuazione delle linee di finanziamento più idonee e disponibili, a livello regionale, nazionale ed europeo, per co-finanziare le proprie attività di ricerca e sviluppo. Attraverso il monitoraggio sistematico delle opportunità offerte dal programma europeo Horizon 2020 e dai Programmi operativi, sia nazionali (PON) che regionali (POR), l’azienda intende presidiare e partecipare ai momenti di più alto dialogo tecnologico, a livello nazionale ed europeo. Definendo il ruolo che di volta in volta può assumere all’interno dei sottoprogrammi (coordinatore, end user, sviluppatore di tecnologie, etc.), Datalogic intende sostenere la ricerca sull’innovazione, la creazione di poli tecnologici e conseguente aumento dei posti di lavoro, la competitività propria e del sistema, la crescita economica e lo sviluppo sostenibile del mercato di riferimento. I fondi principali di co-finanziamento che permettono all’azienda di perseguire la propria politica di investimento nei campi dell’innovazione e dell’agenda digitale sono il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e il Fondo sociale europeo (FSE). Di seguito i progetti cui l’azienda ha preso parte.

Progetto AIDA

Datalogic, leader mondiale nei settori dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale e produttore di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori per la rilevazione, misura e sicurezza, sistemi di visione e marcatura laser, ha ottenuto 846.000 Euro di contributo per attività di Ricerca & Sviluppo nell’ambito di un progetto finanziato dalla Regione Emilia Romagna (POR FESR 2014-2020). Il progetto presentato da Datalogic, denominato AIDA (Automazione Industriale aDattativA attraverso sistemi di visione cyber-fisici), si è classificato nella prima posizione della graduatoria della “tipologia B” che prevede attività di ricerca e sviluppo rivolte a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi, o adottare nuove tecnologie produttive che prevedano nuovi investimenti e ampliamenti produttivi sul territorio regionale e impatto su nuova occupazione nell’ambito della filiera di riferimento.

La forte diffusione di tecnologie digitali delle nostre fabbriche è ormai un dato di fatto, ma i recenti sviluppi intercettati dalle varie iniziative per l’Industria 4.0, hanno introdotto un elemento nuovo: il cyber-phisical system (CPS), ovvero l’integrazione di dispositivi fisici e informatici non più al livello della singola macchina ma a livello dell’intera fabbrica o, addirittura, dell’intera filiera.

Il passaggio richiede un vero e proprio cambio di mentalità. I prodotti destinati all’automazione industriale devono nascere per “lavorare in gruppo”. Devono essere performanti e flessibili per adattarsi a diverse condizioni di lavoro, saper comunicare con protocolli standard anche con prodotti di altri venditori e fornire tutte quelle informazioni aggiuntive che servono per ottimizzare e rendere robusto il sistema.

Obiettivo del progetto AIDA era proprio quello di ripensare molti dei nostri prodotti in termini di CPS e di sviluppare le tecnologie necessarie allo scopo.

Fra i molti prodotti di Datalogic nell’ambito dell’automazione industriale, ci si è focalizzati su alcuni di essi per renderli sempre più aderenti ai nuovi paradigmi, in particolare: smart readers, vision sensors, vision systems e fotocellule e barriere di sicurezza.

I vari prototipi sviluppati all’interno di AIDA sono stati utilizzati per realizzare un dimostratore di CPS. Nel dimostratore tutti i dispositivi formano una rete e comunicano fra loro usando il protocollo standard OPC-UA.

Il progetto AIDA si inserisce a pieno titolo nell’orientamento tematico “Industria 4.0”, in quanto permetterà a Datalogic e alle aziende produttrici di soluzioni di automazione, verso le quali le tecnologie Datalogic si rivolgono, di attrezzarsi per rispondere alle sfide della manifattura avanzata in termini di interconnessione e sfruttamento delle potenzialità dei sistemi embedded.

Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Por Fesr) 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna

Progetto Rossini

Datalogic è capofila e coordinatore del consorzio nato per partecipare al bando del programma quadro europeo Horizon 2020 sulla " Effective Industrial Human-Robot Collaboration" con il progetto ROSSINI (RObot enhanced SenSing, INtelligence and actuation to Improve job quality in manufacturing).

Scopo del progetto ROSSINI è sviluppare una piattaforma hardware-software intrinsecamente sicura per la progettazione e l'implementazione di applicazioni di collaborazione uomo-robot (HRC) in ambito produttivo. Combinando tecnologie innovative di rilevamento e identificazione, attuazione e controllo (sviluppate da grandi stakeholder industriali, leader mondiali nella propria tecnologia e nel proprio mercato di riferimento) e integrandole in un ambiente di sviluppo aperto, la piattaforma ROSSINI consentirà di realizzare applicazioni HRC in cui robot e operatori umani diventeranno membri della stessa squadra, aumentando la qualità del lavoro, la flessibilità della produzione, l’efficienza e, di conseguenza, la produttività.

Gli obiettivi principali del progetto sono cinque:

  1. Progettare un sistema di sensori intelligente e sicuro (RS4) con elevate capacità di rilevamento e localizzazione per il monitoraggio dell'ambiente di lavoro ed un modulo “Safety-Graded”  per l'elaborazione dei dati.
  2. Sviluppare un'architettura di controllo “Safety-Aware” della percezione cognitiva del robot per gestire la pianificazione e l'esecuzione ottimale delle attività garantendo contestualmente la sicurezza dell’operatore.
  3. Sviluppare una gamma di bracci robotici “Collaborative by Birth” con nuove funzionalità di sicurezza integrate.
  4. Sviluppare algoritmi predittivi che facilitino  l’adattamento del robot alle dinamiche degli operatori. 
  5. Integrare tutti i componenti tecnologici sviluppati da ROSSINI in un'unica piattaforma intrinsecamente sicura per lo sviluppo di applicazioni HRC.
 
 

Progetto NOLOSS

Obiettivo del progetto NOLOSS è formare i futuri ingegneri per le sfide e le opportunità di progettazione fornite dalla moderna tecnologia ottica. Tali sfide includono la gestione dei fotoni senza perdita di potenza, la modellazione a livello di sistema, componenti e caratteristiche e il legame tra design e tecnologia. Oggi, i progetti ottici sono seguono approcci simili di ottica geometrica, ottica fisica e nano-fotonica. Tradizionalmente questi approcci sono collegati alle diverse dimensioni del sistema.

Un progetto per la produzione di applicazioni ottiche di prossima generazione richiede necessariamente di colmare il divario tra le diverse scale dimensionali e di considerare il progetto a livello olistico. Al centro ci sono i modelli di simulazione ottica sviluppati e utilizzati nella ricerca accademica e quello utilizzato per i progetti ottici nell'industria.